Cosa si coltiva nell’agricoltura intensiva?

Agricoltura intensiva

L’agricoltura intensiva è un tipo di agricoltura che si propone di sfruttare al massimo la capacità produttiva del terreno; in altre parole non è altro che un sistema di intensificazione e meccanizzazione agricola che mira a massimizzare i rendimenti dei terreni disponibili attraverso vari mezzi, come l’uso pesante di pesticidi e fertilizzanti chimici.

Le pratiche agricole intensive producono cibo più economico in rapporto alle dimensioni del terreno, il che contribuisce a nutrire una popolazione umana in costante espansione.

Oggi però, l’agricoltura intensiva è diventata la più grande minaccia per l’ambiente quando si parla di riscaldamento globale, portando anche alla comparsa di nuovi parassiti e alla ricomparsa di parassiti precedentemente considerati ‘sotto controllo’, senza dimenticarci che è responsabile di gran parte della deforestazione mondiale.

L’agricoltura intensiva uccide insetti e piante utili, degrada e impoverisce il suolo stesso da cui dipende, crea deflusso inquinante e intasa i sistemi idrici, aumenta la suscettibilità alle inondazioni, provoca l’erosione genetica delle colture e delle specie di bestiame in tutto il mondo, diminuisce la biodiversità, distrugge gli habitat naturali e, secondo il WWF“le pratiche agricole, il bestiame e lo sgombero dei terreni per l’agricoltura intensiva contribuiscono in modo significativo all’accumulo di gas serra nell’atmosfera”.

Tuttavia, alcuni aspetti dell’agricoltura intensiva hanno contribuito ad alleviare il cambiamento climatico, incrementando i raccolti in terreni sottoperformanti, il che impedisce lo sgombero di ulteriori terreni. Quindi ci sono sia pro che contro nell’agricoltura intensiva, ma rispetto agli svantaggi, i vantaggi sono sicuramente minori.

Il mondo sta passando da un’era di abbondanza alimentare a un’era di scarsità. Il 40% della terra del pianeta è dedicata alla produzione alimentare umana – pensate che nel 1700 era del 7%.

Poiché la domanda mondiale di cibo aumenterà del 70% entro il 2050, nutrire la popolazione in forte ascesa può e deve essere fatto adottando un approccio alla produzione alimentare sostenibile e che possa ridurre il suo impatto ambientale, sul benessere degli animali e sulla salute umana.

“Ogni giorno, quasi 16.000 bambini muoiono per una causa legata alla fame, 1 bambino ogni 5 secondi. Le persone soffrono la fame perché il sistema alimentare globale che abbiamo costruito è fuori controllo: dà priorità a profitti aziendali storicamente senza precedenti, mentre non riesce a nutrire persone e custodire la nostra terra e le risorse idriche per le generazioni future” ~ PAN: Nutrire il mondo

Con la popolazione umana che cresce a un tasso di circa 78 milioni di persone all’anno, con oltre 7 miliardi di persone che vivono oggi sul pianeta e stime che raggiungono tra 8 e 11 miliardi entro il 2050 e ben 15 miliardi entro il 2100, l’umanità sta affrontando la più grande sfida della sua storia per mantenere una base sana e produttiva con cui nutrirsi.

Il ruolo dei pesticidi nell’agricoltura intensiva

Sebbene l’uso di pesticidi abbia i suoi vantaggi, come controllare o uccidere potenziali organismi e insetti patogeni, erbe infestanti e altri parassiti, ma anche aumentare la resa per ettaro, far risparmiare tempo al produttore e abbassare i costi del cibo per il consumatore, ci sono comunque molti svantaggi nell’uso di queste sostanze, come la graduale erosione del suolo, la minaccia di tossicità per l’uomo e altri animali, la maggior resistenza dei parassiti e l’uccisione involontaria dei nemici naturali degli stessi.

Sorprendentemente, oltre il 98% degli insetticidi spruzzati ed il 95% degli erbicidi raggiungono una destinazione diversa dalle loro specie bersaglio, comprese le specie non bersaglio, l’aria, l’acqua, i sedimenti del fondo ed il cibo di cui ci nutriamo.

Secondo la Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti, 9 delle 12 sostanze chimiche organiche più pericolose e persistenti sono pesticidi.

Inoltre, poiché gli insetti e le erbacce sviluppano una resistenza ai pesticidi, gli agricoltori sono costretti a utilizzare sostanze chimiche sempre più tossiche per controllare queste “super erbacce” e “superbatteri”.

Conosciuta come la “trappola dei pesticidi”, gli agricoltori rimangono intrappolati sul tapis roulant, poiché ogni anno sono costretti a spendere di più in pesticidi solo per mantenere la perdita di raccolto da parassiti ad un tasso standard.

Monocoltura e agricoltura intensiva

La monocultura, che è la pratica della coltivazione intensiva di un tipo di coltura su una vasta area di terreno, è al centro della produzione alimentare industriale. Il raccolto scelto, più comunemente mais, grano, soia, cotone o riso, viene in genere ripiantato nella stessa area anno dopo anno senza l’introduzione di un raccolto diverso, il che crea un sistema con pochissima diversità.

I vantaggi della monocoltura includono la limitazione degli sprechi derivanti da raccolte e piantagioni inefficienti, riduzione della concorrenza tra le piante, controllo di organismi non redditizi e possibilità di standardizzare la produzione.

Tuttavia, l’agricoltura monocoltura esaurisce rapidamente i nutrienti nel suolo, fa molto affidamento su sostanze chimiche, come fertilizzanti sintetici e pesticidi e può portare a una più rapida diffusione delle malattie in cui un raccolto uniforme è suscettibile a un agente patogeno.

Secondo uno studio pubblicato su Nature, piantare una miscela di ceppi di colture nello stesso campo è efficace per combattere le malattie.

In uno studio in Cina, la semina di diverse varietà di riso nello stesso campo ha aumentato i raccolti dell’89%, in gran parte a causa della diminuzione del 94% dell’incidenza delle malattie, che ha anche reso meno necessario l’uso di pesticidi.

Agricoltura intensiva e inquinamento

Negli ultimi 100 anni l’agricoltura intensiva ha triplicato i livelli di fosforo e raddoppiato i livelli di azoto nell’ambiente rispetto ai livelli naturali.

La maggior parte di fosforo e azoto utilizzati per coltivare i raccolti si riversa nei fiumi e nei vapori o viene rilasciato nell’atmosfera.

Ad esempio, solo il 20% dell’azoto utilizzato in agricoltura è effettivamente produttivo, mentre il resto si fa strada nell’ambiente.

Tutti questi nutrienti aggiunti nell’acqua alimentano enormi fioriture di alghe, comprese le alghe tossiche, che possono degradare o distruggere le barriere coralline e le erbe marine che forniscono un habitat prezioso per le specie marine, uccidono i pesci e succhiano l’ossigeno dall’acqua quando le alghe muoiono portando le “zone morte” dove i pesci e altre forme di vita marina non possono sopravvivere.

Su scala globale, l’eutrofizzazione dei sistemi costieri è passata da meno di 75 sistemi nel 1960 a più di 800 sistemi odierni; di questi 800 sistemi, più di 500 hanno subito la deossigenazione o sono diventate zone morte.

L’eutrofizzazione si traduce anche in perdite economiche per le industrie del turismo, della pesca e delle operazioni di acquacoltura.

Ad esempio, nel 2009, una massiccia fioritura di alghe tossiche al largo della costa del Maine ha portato alla chiusura di banchi di molluschi commerciali, che ha paralizzato un’industria da 50 milioni di dollari.

Il Millennium Ecosystem Assessment prevede che le pratiche agricole intensive rilasceranno gli input di azoto di quasi un altro 50% entro il 2050.

Per proteggere e mantenere risorse idriche sane e produttive per le generazioni future, sarà importante concentrarsi sullo sviluppo di politiche agricole sostenibili che possano aiutare a raggiungere la sicurezza alimentare senza compromettere la qualità dell’acqua.

“Il mondo sta passando da un’era di abbondanza alimentare a un’era di scarsità. Nell’ultimo decennio, le riserve mondiali di grano sono diminuite di un terzo. I prezzi alimentari mondiali sono più che raddoppiati, innescando una corsa alla terra in tutto il mondo e inaugurando una nuova geopolitica di cibo. Il cibo è il nuovo petrolio. La terra è il nuovo oro. Questa nuova era è quella dell’aumento dei prezzi del cibo e della diffusione della fame “ ~ Lester Brown.

Concludiamo questo articolo con un testo tratto da uno studio dell’Università del Minnesota.

“Per la prima volta abbiamo dimostrato che è possibile sia nutrire un mondo affamato che proteggere un pianeta minacciato. Attualmente, le terre agricole ed i terreni dei ranch coprono quasi il 40 per cento della superficie terrestre – il più grande uso di terra del pianeta. Anche se l’agricoltura moderna ha incrementato la resa dei raccolti, gli aumenti tra il 1985 e il 2005 sono stati meno della metà di quanto comunemente riportato, e stanno rallentando.”

“Poiché un terzo delle colture viene utilizzato per l’alimentazione del bestiame, i biocarburanti e altri prodotti non alimentari, il numero di ‘calorie che riducono la fame’ per acro coltivato è molto inferiore a quello che potrebbe essere.”

“Tutto questo ha un prezzo ambientale molto alto. Gli esseri umani hanno già disboscato il 70% di tutte le praterie, la metà delle savane, il 45% delle foreste temperate e il 27% delle foreste tropicali. Inoltre, l’intensificazione dell’agricoltura – cambiamenti nell’irrigazione, nell’uso di fertilizzanti e altre pratiche volte ad aumentare la resa per ettaro – ha aumentato l’inquinamento dell’acqua, la scarsità d’acqua locale e l’uso di energia.”

“Le attività agricole come lo sgombero dei terreni, la coltivazione del riso, l’allevamento del bestiame e l’uso eccessivo di fertilizzanti costituiscono il maggiore contributore di gas serra nell’atmosfera, rappresentando circa il 35% del totale”.

Fonte: https://www.vestilanatura.it/agricoltura-intensiva